• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Ven05242024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Notizie Costume&Società LADRI DI RAME. IL NUOVO BUSINESS DEL XXI SECOLO

Politica

LADRI DI RAME. IL NUOVO BUSINESS DEL XXI SECOLO

rame_185x115
E' il nuovo oro. Rosso per la precisione. E negli ultimi mesi, in tutta Italia, Irpinia compresa, sta andando a ruba, nel vero senso della parola. E' il rame, il metallo più sonoro ed anche quello che fa più gola agli ambienti della criminalità. Il rame è il metallo che l'umanità usa da più tempo. Basti pensare che sono stati ritrovati oggetti in rame che risalgono all' 8700 a.C. E' considerato il miglior conduttore elettrico e termico dopo l'argento, è resistente alla corrosione, robusto e flessibile e può essere riciclato al 100% senza perdere le sue capacità. Non è magnetico, è facilmente lavorabile, duttile e

malleabile, è batteriostatico, cioè combatte la proliferazione dei batteri sulla sua superficie, è impermeabile ai gas, è facilmente piegabile, e non invecchia se esposto alla radiazione solare. Ha un'area di esportazione vastissima, infatti è richiesto dall'Europa dell'Est (in particolare Polonia, Germania, Austria e Ungheria) fino in Cina e in India. Sul mercato clandestino è quotato dai 4 ai 10 euro al kg ed è accettato in qualsiasi centro di rottamazione senza l'obbligo di esibire documenti o informazioni circa la sua provenienza. Inoltre, è facilmente reperibile, perché è utilizzato nell'edilizia, nei trasporti, nell'elettrotecnica, nell'impiantistica idrotermosanitaria, nella rubinetteria, nelle attrezzature per la nautica, in architettura, nella monetazione, nell'artigianato e nell'oggettistica, .
Lo si trova nei cantieri, nelle aziende, nelle stazioni ferroviarie, ma anche nelle tettoie e nei crocifissi di cimiteri e chiese, negli zuccherifici, nelle grondaie dei palazzi. Basta un paio di tronchesi e, aiutati dal favore delle tenebre, in men che non si dica il desiderio di un guadagno facile si fa più reale, in quanto, una volta sminuzzato e reso irriconoscibile, viene venduto ai ricettatori.
Il più ricercato resta, comunque, il rame reperito nelle Ferrovie italiane, perché è qualitativamente ineccepibile e puro.
Spesso i ladri di rame sono ex operai delle Ferrovie che sanno dove reperire il materiale, ma anche bande di nomadi o cittadini rumeni che, rivendendolo ai grossisti, riescono ad ottenere lauti compensi.
Oltre al rame, stanno crescendo anche le quotazioni di altri due metalli: l'ottone e l'alluminio.
Il primo è un materiale duttile, malleabile e ha una buona resistenza alla corrosione, è duro, resistente ed ha alti valori di fusibilità. L'ottone può servire per numerose applicazioni: per costruire radiatori di autoveicoli, bulloni, viti e ingranaggi nell'industria meccanica, ma anche maniglie, elementi di mobili, monete, strumenti musicali e rubinetti.
Per quanto riguarda, invece, l'alluminio, questo è usato soprattutto nell'industria aerospaziale ed in quella dei trasporti. E' un metallo leggero ma resistente, può essere lavorato facilmente e non è magnetico, quindi non fa scintille. Inoltre, ha un'elevata resistenza alla corrosione ed ha un'alta conducibilità termica ed elettrica.