• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Ven05242024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Politica Tutte le Notizie Italia TELESE. FESTA PD. DE LUCA: "PATTO DI SOLIDARIETA' CONTRO LE MAFIE"

TELESE. FESTA PD. DE LUCA: "PATTO DI SOLIDARIETA' CONTRO LE MAFIE"

telese_festa_regionale_pd_185x115
TELESE TERME (BN) - "Un patto di solidarietà per combattere le mafie? Il Partito democratico è disponibile a discuterne, ma è il Governo a dover dare segnali precisi della volontà politica della maggioranza ad agire in tale direzione". Così Enzo De Luca nel suo intervento, stamattina alla Festa regionale del Pd a Telese Terme, al dibattito "La Campania di domani: prima di tutto la legalità", al quale hanno partecipato anche il responsabile nazionale Giustizia del Pd Andrea Orlando, la senatrice Teresa Armato e il deputato Salvatore Piccolo, entrambi rappresentanti del Pd nella

Commissione bicamerale Antimafia, e l'onorevole Nunzia De Girolamo, coordinatrice provinciale del PdL ed esponente della Direzione Nazionale del Partito.
Proprio all'intervento di De Girolamo, che aveva parlato della necessità di un patto di solidarietà tra le forze di maggioranza e quelle di opposizione per combattere la criminalità organizzata, si è collegato il senatore del Pd. Vicepresidente della Commissione bicamerale Ecomafia, De Luca ha sottolineato che, per dare maggiore forza alla lotta alle mafie, occorre ripristinare "quel senso dello Stato smarrito a causa di una politica mercificata, restituire dignità alle Istituzioni, destabilizzate da pratiche che nulla hanno di politico. Se vogliamo realmente combattere le mafie, che continuano a lucrare e a trarre guadagni da capogiro dallo sfruttamento dell'ambiente e dai traffici illeciti di rifiuti e scorie radioattive, dobbiamo essere meno timidi nel porre paletti precisi. Se non fosse stato per il Pd, il Governo avrebbe cancellato il Sistema di tracciabilità dei rifiuti industriali, facendo un altro regalo ai clan, da Nord a Sud attivissimi sul fronte delle ecomafie. Fatti del genere non dovrebbero accadere. Per questo, verificherò la possibilità che dalla questione relativa ai rifiuti interrati e alle cosiddette navi dei veleni, in gran parte affondate al largo delle coste meridionali, venga finalmente rimosso il segreto di Stato per far luce sulle tante zone d'ombra che ancora impediscono di appurare la verità. Cominciamo da qui - ha concluso De Luca - ricordando che la criminalità si batte e si combatte con fatti precisi, con una politica segnata da azioni concrete e non con i proclami e gli annunci vuoti a cui ci ha abituato questo Governo, che dovrebbe agire anche creando condizioni precise per far crescere il Paese. Lavorare per incrementare sviluppo e occupazione, infatti, significa togliere ai clan l'acqua in cui nuotano".