• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Gio04252024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Attualità Tutte le Notizie Campania Ariano. I giovani del PD solidarizzano con i militanti di Napoli aggrediti

Ariano. I giovani del PD solidarizzano con i militanti di Napoli aggrediti

francesco_santosuosso_GD_Ariano_185x115
Ariano Irpino (AV) – I giovani del PD di Ariano, insieme a quelli di Serino, condannano fermamente gli episodi avvenuti a Napoli. "Entrambi i nostri Circoli hanno deciso di dare il loro contributo alle Organizzazioni già attive all'interno del circuito: Nidil CGIL, Sel, Libera, Federazione della Sinistra, Giovani Comunisti, Giovani IDV, I Ken, ANPI, Rosso Fisso, UDS e Federazione degli Studenti – recita un comunicato congiunto delle due segreterie –. L'esigenza di riscrivere, insieme ad altri protagonisti, la storia di questa provincia

è alla base del nostro impegno. La politica è buona se cuce trame di relazioni, se esce fuori dalle stanze dei bottoni, e cerca di guardare al di là del proprio ombelico. Combattere in maniera coesa la battaglia contro l'escalation di violenza ed intolleranza perpetrata da gruppi di neofascisti come casapound, forza nuova; ed altri soggetti spesso camuffati da associazioni, comitati e movimenti; sarà tra le nostre priorità". I giovani Democratici esprimono solidarietà ai ragazzi aggrditi. "In queste ore la nostra solidarietà e vicinanza va ai tre studenti di lettere, dell'Università Federico II, vigliaccamente assaliti ed accoltellati da neofascisti appartenenti al gruppo di estrema destra casapound e da un candidato alla III Muncipalità, aderente ad una lista civica ricollegata al PDL e quindi al candidato sindaco Lettieri". Ed annunciano la partecipazione allo sciopero generale. "Lo Sciopero Generale del 6 maggio, indetto dalla CGIL, ci vedrà schierati in prima linea con la "Rete delle Associazioni Giovanili". Sarà una giornata per liberarsi dalle catene della solitudine sociale e ritrovarsi, insieme, a costruire gli strumenti per la liberazione dal precariato. Vogliamo essere la "buona notizia "di un Paese violentato dal malcostume e dall'ipocrisia di chi ci governa" conclude la nota.