• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Sab07202024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Avellino Eventi A CACCIA DI ANTICHE TRADIZIONI - LA FESTA DEL MAIALE A CARIFE

A CACCIA DI ANTICHE TRADIZIONI - LA FESTA DEL MAIALE A CARIFE

carifeacallaro
Carife (AV) - Le antiche tradizioni, le tipicità, la valorizzazione del territorio...sono parole che leggiamo quotidianamente sui giornali ma viverle di persona è tutt'altra cosa. Nella giornata di sabato cinque gennaio siamo andati con Francesco Cardinale e Nicola Serafino a Carife. I due dedicano gran parte del loro tempo libero al recupero ed alla riscoperta di vecchi canti popolari ed arcaiche usanze contadine.
A Carife, in Baronia, siamo andati del Prof. Dionigi Santoro, profondo conoscitore di antiche cantilene e strumenti musicali che trovano la loro origine nel mondo agro-pastorale delle nostre zone. Ben presto ci siamo trovati immersi in un mare di secolari melodie che caratterizzavano la vita dei nostri avi soprattutto nei giorni di festa, il tutto accompagnato di volta in volta, dal magico suono di una zampogna, un flauto di canna o un organetto. Il professore ci ha narrato delle tecniche di costruzione degli strumenti, dei testi tramandati oralmente di padre in figlio, dei pastori che costruivano i loro strumenti durante le ore di pascolo del gregge. Le tarantelle ed altre musiche hanno fatto da cornice ad una mattinata dedicata al rispolvero di abitudini che purtroppo in un lasso di tempo medio-breve, in particolare dal periodo post terremoto del 1980, abbiamo lasciato nel dimenticatoio ma che rappresentano la base della cultura delle nostre zone. Non va dimenticato inoltre che le liriche sopra menzionate accompagnavano soprattutto le giornate di festa dopo lunghi e faticosi periodi di lavoro.

Dopo alcune ore lasciamo l'abitazione del Prof. Santoro ed in sua compagnia ci rechiamo in un'altra parte del paese per fare un altro salto indietro nel tempo: La festa per l'uccisione del maiale! Neanche il tempo di scendere dalla macchina e ci troviamo coinvolti in un'atmosfera di grande festa, di calorosa accoglienza e più di tutto, di antichi sapori. Minestra, salumi, formaggi tipici, frittate, prosciutti paesani, peperoni secchi; questi sono solo alcuni dei piaceri del palato caratteristici di Carife e dell'Irpinia che abbiamo avuto il piacere di provare e che hanno accompagnato le vite dei nostri antenati per secoli. Gli organizzatori del comitato "Amici r' lu callar" ci hanno ricevuto con gioia e fatto assistere alla preparazione del soffritto di maiale, descrivendo le varie fasi della preparazione. Non dimentichiamo che fino a pochi anni fa, il maiale serviva come mezzo di sostentamento per le famiglie contadine per l'intera durata dell'anno, quindi più il suino era grosso al momento dell'uccisione...maggiore era la festa! Una curiosa espressione di vanto del proprietario della bestia era: "Lu puorco quest'anno tene quatt' reta de lardo!"

A metà pomeriggio ci siamo lasciati alle spalle il paese della Baronia, coscienti di aver passato alcune ore in compagnia di persone splendide ed all'insegna di tradizioni che non vanno assolutamente dimenticate in quanto rappresentano le radici di tutti noi. Speriamo un domani di avere i nostri amici di Carife come ospiti a Montecalvo, in una nostra versione della festa del maiale, semmai accompagnata dal suono della zampogna del Prof. Santoro e da un itinerario culturale che faccia scoprire ai visitatori le bellezze e la cultura del nostro paese.

Concludo, dedicando agli "Amici r' lu callar" una poesia dedicata al maiale, scritta da uno studioso conterraneo (Dott. Antonio Stiscia).

IL PORCO

Che strano destino, ha, quest'animale,

Cresciuto con amore e solo da ammazzare

Tenuto da conto come un reale

Per farlo a pezzi e poi sotto sale

Nessuno lo rimpiange e nessuno ha un ricordo

Non lascia emozioni, solo carne e lardo

Eppure è l'animale più a noi familiare

Gli vogliamo cosi bene da farcelo mangiare!