• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Lun05202024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Ariano Irpino Cronaca Ariano. Frana chiude statale 90. Traffico in tilt

Ariano. Frana chiude statale 90. Traffico in tilt

corriere_frana_ariano_185x115
luciano_leone_185x115
Ariano Irpino (AV) – Forti disagi alla circolazione lungo l'ex via nazionale che dai Martiri sale verso la zona San Giovanni e ridiscende in direzione Cardito. Il traffico nella giornata di ieri è impazzito. Su quest'arteria è stato deviato il flusso delle autovetture che normalmente percorrano la variante sulla statale 90. 

La frana che ha ostruito la variante è ancora sulla carreggiata. "Stiamo lavorando per mettere in sicurezza il costone – dice l'assessore ai Lavori Pubblici di Ariano, Luciano Leone – per la giornata di domani (oggi per chi legge) il traffico resterà deviato lungo la ex via Nazionale". Ieri mattina c'è stato un sopralluogo dell'ingegnere Murolo dell'Anas per capire il da farsi. "Come amministrazione comunale siamo già intervenuti per mettere in sicurezza il costone con una ditta privata – continua Leone – Nella giornata di venerdì puntiamo ad ultimare i lavori. Poi toccherà all'Anas elevare un muro di circa un metro e mezzo per evitare che eventuali nuovi smottamenti possano arrivare di nuovo in strada". Intanto sotto accusa sono finiti la regimentazione delle acque piovane superficiali e alcuni scarichi delle fogne presenti nella zona dello smottamento. Solo un miracolo ha fatto sì che questo non finisse in tragedia. "ero in auto subito dietro ad un camioncino – racconta un testimone oculare – quando all'improvviso ho visto un albero rovinare sul mezzo davanti a me. Il conducente è riuscito ad uscire dal comioncino solo spingendo lo sportello che parzialmente era già ostruito dalla fanghiglia. Se al posto del camion ci fosse stata una macchina non so come sarebbe finita. Ho avuto paura ed immediatamente ho fatto marcia indietro". Si tratta di un fenomeno non nuovo sulla variante. Già alcuni anni fa ci fu una situazione simile. "Occorre porre più attenzione alla prevenzione – conclude Leone -. Tutti dobbiamo stare più attenti alla regimentazione delle acque superficiali per evitare che verifichino condizioni di questo tipo. Dobbiamo diventare noi attori della prevenzione".