• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Sab05182024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Ariano Irpino Politica ARIANO. D'AMATO: IL TAR CI HA DATO RAGIONE IN FASE CAUTELARE

ARIANO. D'AMATO: IL TAR CI HA DATO RAGIONE IN FASE CAUTELARE

dino_damato_185x115
ARIANO IRPINO (AV) - Così l'assessore arianese replica a Federico Bongo. Viste le esternazioni e le polemiche di questi giorni sulla questione della decisione del T.A.R. in merito alla richiesta di sospensiva della delibera n°51 del 2012 da parte dei Consiglieri comunali dell'Unione di Centro e del gruppo ex Popolari per Ariano, l'Assessore al Contenzioso Manfredi D'Amato ha ritenuto necessario, "solo per chiarezza", rendere pubblica la comunicazione indirizzata al Sindaco, Antonio Mainiero, dallo studio Legale Marenghi che segue la vicenda: "Illustre Sindaco, ai sensi di legge il processo amministrativo è composto da due fasi - si legge nella missiva -

la fase cautelare e la fase di merito. Sono lieto di informarLa che la fase cautelare si è definitivamente conclusa a nostro favore. C'è di più. Il Presidente, motu proprio, ha disposto la cancellazione dal ruolo. Tanto premesso, la fase cautelare si è conclusa favorevolmente e definitivamente e, come per ogni giudizio, pende il processo di merito. Distinti saluti. Studio Marenghi & Associati".

"Sin qui la nota dello studio legale al quale ci siamo affidati - afferma l'Assessore D'Amato-. Dunque il Presidente del T.A.R. di Salerno non ha ritenuto di procedere nella fase cautelare, non ha concesso la sospensiva richiesta dal dott. Bongo ed altri per la 'declaratoria di nullità' o in subordine l'annullamento, 'previa sospensione cautelare' della delibera n° 51 del 2012 a causa delle dimissioni del Sindaco. In pratica quanto richiesto non è stato accolto dal tribunale amministrativo ritenendo, evidentemente, che il fumus e il periculum in mora non siano stati riscontrati nei fatti".