• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Ven05242024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Ariano Irpino Politica ARIANO. MARAIA: FLORIO VUOLE UN OSPEDALE MONCO

ARIANO. MARAIA: FLORIO VUOLE UN OSPEDALE MONCO

maraia_giovanni_ARIANO_IN_MOVIMENTO_185X115
ARIANO IRPINO (AV) - Il direttore generale dell'ASLAV ha dichiarato ad Ariano che "l'Ospedale di Ariano resterà così come e'". Esso è' stato dichiarato con il decreto 49/2010, ha affermato il direttore generale, presidio ospedaliero di secondo livello per l'emergenza, e "tale e' e tale resterà". In questa dichiarazione vi è' una grossa ed evidente falsità - dice Giovanni Maraia ò-  e vi è' , però , anche la linea politica del direttore generale riguardo alle funzioni dell'Ospedale di Ariano. La falsità e' data dal fatto che l'ospedale di Ariano non è' mai divenuto realmente presidio ospedaliero di

secondo livello per l'emergenza. Non è' stato strutturato con 156 posti letto, con le attrezzature sanitarie , con i reparti e con il personale medico di un presidio ospedaliero di secondo livello per l'emergenza. La linea politica del direttore generale e' che l'Ospedale " resta così come e'" , cioè declassato rispetto ad un ospedale di secondo livello per l'emergenza - continua Maraia. "Resta così come e'" significa che l'ospedale di Ariano dovrà' morire per asfissia, per consunzione. Per il direttore generale l'ospedale di Ariano non potrà avere la risonanza magnetica , non potrà avere i primari di chirurgia e di ortopedia ecc. Non dovrà avere il reparto di psichiatria, perché trasferito a Solofra. Dalla mancata realizzazione ad Ariano del presidio ospedaliero di secondo livello per l'emergenza nonché dal depotenziamento della sanità su tutto il territorio dell'ex ASLAV 1 deriva l'ultimo avanzo di bilancio del2012 di ben 37milioni di euro. Questi sono fondi in dotazione all'ASLAV , che il direttore generale non ha voluto spendere, con la finalità' di far morire quel poco di sanità presente nella parte alta dell'Irpinia. Non sono fondi frutto di risparmio , sono fondi non spesi. I fondi non spesi per il potenziamento della sanità pubblica ci inducono a pensare che il direttore generale stia attuando una linea politica tesa a favorire un ingiusto profitto di strutture sanitarie private".