• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Sab05182024

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Ariano Irpino Attualità ARIANO. LO CONTE ACCUSA GLI UFFICI: IN DIVERSI MESI NESSUNA SVOLTA

ARIANO. LO CONTE ACCUSA GLI UFFICI: IN DIVERSI MESI NESSUNA SVOLTA

lorenzo_lo_conte_185x115
ARIANO IRPINO (AV) - "Le dichiarazioni rese dall'Assessore Liliana Monaco cui tutti i media hanno dato grande risalto in questi giorni non costituiscono per me in nessun modo un fulmine a ciel sereno né delle esternazioni improvvise - così Lorenzo Lo Conte in una nota -; sono, anzi, del tutto giustificate da una grave situazione che si trascina da troppo tempo, della quale sono perfettamente a conoscenza e che sta assorbendo, mio malgrado, anche gran parte del mio tempo. L'Ing. Monaco riveste la carica politica da non molto tempo ma la sua indiscussa, pluriennale esperienza nelle pubbliche amministrazioni in qualità di dirigente ed i risultati puntualmente

conseguiti in ogni sede ove ha operato, non lasciano spazio ad interrogativi o dubbi di sorta. La sua competenza ci consegna una fotografia precisa, anche se impietosa, dello stato in cui versano i Servizi dell'Area Tecnica del nostro Comune che fanno capo ai settori Urbanistica, Lavori Pubblici e Patrimonio e dei disastri che hanno prodotto.

Situazione che ben conosce il sottoscritto, Assessore all'Urbanistica, che si è trovato improvvisamente di fronte a questa realtà 8 mesi fa allorchè ricevette la specifica delega dal Sindaco Mainiero. Provenendo da esperienze strettamente amministrative di aziende private, ho avuto un impatto estremamente negativo con la realtà amministrativa pubblica al punto da rendermi, in più di una circostanza, particolarmente critico e duro nei confronti dei responsabili degli Uffici Tecnici. Nonostante il piglio volutamente, a volte, autoritario a distanza di mesi non si è riusciti a determinare quella "svolta" da me costantemente inseguita come principale primario obiettivo: l'avvio di una riorganizzazione dei Settori dell'Area Tecnica che consentisse la ripresa di una attività amministrativa efficiente, economica e trasparente, per ridare fiducia ai cittadini ed alle imprese, nuova e positiva immagine alla città e maggior credito a questa amministrazione alla quale il Sindaco Antonio Mainiero sta dedicando, forte della sua indiscussa esperienza, grandi energie, passione ed impegno.

Alcuni funzionari non posseggono minimamente la capacità di comprendere quanto siano rilevanti le proprie personali responsabilità in ordine a tutte le opere incompiute e non si rendono conto di quanto sia deleterio per il proprio paese una condizione del genere. Ci si trova di fronte, da parte di alcuni funzionari, ad atteggiamenti indolenti ed incapaci senza eguali, rispetto ad una serie di problemi che avrebbero la necessità di essere affrontati e definiti con rapida determinazione: l'Assessore Monaco ha perfettamente ragione e lo abbiamo constatato insieme negli ultimi tre mesi, come insieme abbiamo constatato che vi è una prassi consolidata di curare con superficialità, menefreghismo e non attenta oculatezza le competenze svolte. E' totalmente assente ogni forma di collaborazione, seppure dovuta: a puro titolo di esempio il sottoscritto il 5 settembre 2011, nell'esercizio delle proprie funzioni di indirizzo e di controllo, ha richiesto per iscritto al responsabile del Servizio Urbanistica di conoscere la situazione relativa alle pratiche giacenti nei vari uffici, allo stato dei procedimenti ed ai relativi responsabili: il sottoscritto a distanza di 6 mesi ancora aspetta una risposta; centinaia di cittadini e tecnici non da 6 mesi ma da anni aspettano la conclusione di un procedimento, l'espletamento di una pratica. A fronte di questa situazione nulla ancora questa Giunta ha fatto.

All'ultimatum dell'Assessore Monaco il sottoscritto aggiunge il proprio; e non in maniera improvvisa ma dopo aver richiesto, già dal mese di agosto 2011, provvedimenti urgenti in merito agli uffici tecnici e dopo aver depositato da oltre un mese, una richiesta formale di revoca del responsabile del Servizio Urbanistica alla quale non vi è stato alcun riscontro né scritto né verbale.

Si è preferito, da parte di qualche assessore in particolare, per mesi non affrontare l'argomento, fare melina in occasione delle Giunte, sviare l'attenzione, profondersi in interminabili discussioni inutili e banali, difendere i fannulloni piuttosto che discutere di provvedimenti disciplinari, spostare personale a proprio piacimento, provocare l'ira del sottoscritto, non avvezzo all'inerzia, e strumentalizzare la mia fermezza e la mia "voce alta"; atteggiamenti di cui sono fiero, che non ritenevo di poter mai avere e che ho scoperto con gioia: mi derivano chiaramente da una profonda indignazione nel constatare in che maniera si amministri – sempre da parte di qualche assessore – la cosa pubblica. Grida di rabbia, per chi non le avesse bene interpretate, che voglio qui consigliare caldamente a chi è intenzionato, e sono la maggior parte, a proseguire con serietà l'attività amministrativa.

Io non mi attribuisco doti di analisi politica, almeno non di questa politica, ma pur mi pare evidente che i gruppi ed i partiti che conpongono questa maggioranza debbano concertarsi per determinare siatuazioni nuove che producano risultati diversi dagli attuali, che sono castastrofici e sotto gli occhi di tutti, aprendo in tale ottica possibilità di collaborazioni ad altre forze politiche disponibili e capaci (ci sono) per sottrarsi a ricatti e condizionamenti largamente praticati da coloro (pochi) che curano interessi strettamente propri, che impediscono una corretta condotta amministrativa e che hanno ridotto in questi anni la città di Ariano alla condizione in cui si trova.

 

Il partito cui il sottoscritto fa riferimento è pronto al confronto ed assicura la propria totale disponibilità a fare quanto necessario per migliorare i risultati dell'azione amministrativa. I primi obiettivi pratici sono già stati individuati, sia dal sottoscritto che dall'Assessore Monaco, sono irrinunciabili e sono il punto di partenza.
Tocca al Sindaco Mainiero determinare questo scatto di orgoglio ed insieme a lui tocca al principale riferimento politico che lo sostiene. A parer mio, ho già avuto modo di dirlo, ci sono tutte le condizioni per riuscirci.
Il sottoscritto non è abituato a gettare la spugna ma in presenza della totale inutilità del proprio impegno non esiterebbe, al pari dell'Assessore Liliana Monaco, a riconsegnare ogni incarico al Sindaco Mainiero pur consapevole di lasciare campo libero ad altre figure intente a curare esclusivamente interessi tutt'altro che di carattere generale.
A questo potranno rimediare, evidentemente, solo i cittadini ed io per mia natura vorrò trovarmi, per fare questo, dalla loro parte.

 

 

Il Sindaco sta tenendo le redini con grande caparbietà e tenacia nonostante una situazione politica estremamente difficile che lo mette quotidianamente a dura prova. Ma sono convinto che possa e debba fare di più. L'Assessore Monaco merita di più per la voglia di realizzare che sta dimostrando di avere per il bene della città di Ariano, per la sua competenza e professionalità indiscusse che ha messo al nostro servizio, per il suo coraggio nell'affrontare ogni situazione, per i risultati che ci saprebbe consegnare.
I cittadini, mi sia consentito, meritano e si aspettano molto ma molto di più da questa Amministrazione. Io stesso, infine, mi sono sempre occupato di prodotti e servizi di "qualità" e non intendo cambiare genere.